Corpo Anima Spirito

Movimento dello Spirito

Spirituale è la Grande Anima che dona Luce Amore Pace

Abita in tutto il Creato e in tutta la materia dell’Universo

Abita nella Natura e in tutte le forme di vita.

Abita il Corpo umano in tutte le sue cellule, organi e sistemi.”

Bert Hellinger

Movimento dello Spirito
La spiritualità è una dimensione dell’Anima e non riguarda l’appartenenza ad un credo o ad una religione. La sua prima qualità è che tutti gli esseri viventi e tutto il creato hanno diritto di appartenenza. Tutti e tutto sono uniti in sistemi e in un’unica rete d’ interrelazioni e interdipendenze  fisiche e materiali, sociali ed economiche, forme di pensiero e comportamenti, e ad un livello più sottile e interiore energetico animico. Questa unione  universale comtempla eventi vicini e lontani nello spazio e nel tempo, esperienze di oggi e di ieri, generazioni di famiglie e di popoli. Ha una coscienza universale che unisce tutti e tutto. E’ la consapevolezza profonda che ogni nostra azione, pensiero e scelta coinvolge molte più persone della nostra famiglia e delle generazioni degli avi e di quelle che seguiranno. E’ la consapevolezza che ciò che viene agito in una parte della terra ad un certo livello invisibile dell’anima influenza altre parti del pianeta. E’ la consapevolezza che tutti abbiamo piccole o grandi responsabilità in corrispondenza al posto avuto in famiglia per diritto di nascita e in accordo con il ruolo sociale che occupiamo nel mondo. Con le nostre azioni e i nostri pensieri e idee che aiutano o che distruggono la salute e la felicità delle persone, degli animali, delle piante, delle rocce, delle acque delle vite e degli ecosistemi.

“Ogni vita vive insieme ad altre vite, è una comunità di destini.

 Più siamo aperti più consideriamo benefica

questa comunità di destini per la nostra vita.”

Bert Hellinger

Ciò che è Spirituale è un movimento  d’Amore per tutti e tutto in egual misura, senza esclusioni. Nessun premio e nessuna punizione. Il fare il bene e il male sono parti di un’unica realtà, dove le contraddizioni, i conflitti e le divisioni, sono superati e visti con gli occhi di quell’Amore che vuole unire, pacificare, riconciliare, condividere la gioia. Come? Senza giudizio e pregiudizio, con riconoscimento, degli errori e degli aspetti positivi, con rispetto della rabbia e del dolore, dei limiti e delle gesta eroiche, di saper avanzare e saper fare un passo indietro, di saper superare gli egoismi e decidere per il bene comune. La coscienza spirituale si prende le responsabilità, cioè la capacità di rispondere ad una situazione e anche alle conseguenze dannose di un nostro comportamento. Perciò di fronte ad un danno, ad un crimine richiede che chi lo ha commesso si prenda la responsabilità per es, la conseguenza è la perdita di denaro o il carcere, ma non come punizione o forma di riabilitazione, come l’esperienza necessaria per trasformarsi interiormente al rispetto della vita. La coscienza spirituale riconosce il valore della Vita tutta in qualsiasi forma si manifesti prima di ogni altra cosa, in una visione gerarchica, dove chi è venuto prima e ciò che è stato prima hanno la precedenza non per un’idea di superiorità e inferiorità, ma solo per un principio universale di riverente considerazione per la strada già tracciata, per l’esperienza accumulata e trasmessa.

“L’Amore dello Spirito non conosce giudizi…non rifiuta ed esclude…E’ accettazione

di noi stessi, degli altri e del mondo in cui viviamo.. 

 E’ gioire di tutto ciò che esiste.”

Bert Hellinger

Il movimento che interiormente stimola è verso il nuovo. Il cambiamento parte sempre nel rispetto della storia e delle radici. Questo vuol dire che i veri cambiamenti partono da una saggezza che sa prendere dal passato il meglio e sa unire le trasformazioni necessarie per far continuare la vita verso il futuro. La coscienza spirituale  sviluppa un movimento interiore spirituale che è creativo. Tutte le scoperte della scienza sono partite da un insight, l’idea prima sotto forma di un immagine metaforica, un sogno, per es, l elica del D.N.A , e che ha dato l’impulso e l’energia di condurre il pensiero al progetto e alla realizzazione concreta di una scoperta o di un’opera. Questo pensiero creativo, in molti casi geniale, appare nella scienza e nell’arte della musica  e altre forme, ha una origine interiore qualcosa s’illumina in noi nella menete e nel cuore perché la passione con cui lo scienziato o l’artista si dedica alla sua opera è con un energia interiore che lo prende tutto. E’ una forza creativa che coinvolge tutto l’essere la sua attenzione, il suo tempo, il processo creativo è così vitale e positivo, cioè fa bene che si riscontra dal fatto che la persona non si stanca nonostante tempi di lavoro continui e si sente rigenerata continuamente. Durante l’atto creativo c’è una fase di caos creativo: essa è lo spazio fisico e temporale che raccoglie questo flusso dirompente e inondante di idee e immagini come un torrente in piena trasporta sulle sue acque tutti gli elementi che incontra.

Le associazioni le sfumature, le bozze iniziali gli scarabocchi, tutti momenti necessari per la fase successiva di discernimento, scelta, analisi e sperimentazione e infine creazione.

Il caos creativo non disarma non confonde è l’arrivo inconscio del materiale per il progetto.

Ogni persona che coltiva una ricerca conosce bene questo momento che lo coinvolge a tutti i livelli energetici dell’essere: il corpo è più vitale e attivo, quasi come se si nutrisse da se stesso, la mente è lucida, viva e continuamente stimolata, questo vuol dire che entrambi gli emisferi, lavorano insieme, che si è coivolti emozionalmente, con entusiasmo e gioia, con fede in quello che si sta facendo. Nell’universo delle probabilità il dubbio, la critica  è al servizio della ricerca.

La creatività è una dimensione dello Spirito. Perchè? Perchè  eleva la nostra forza vitale e siamo iperattivi al tempo stesso agiamo rilassati. Quando siamo creativi sperimentiamo che i muscoli sono distesi, i ritmi respiro e cuor regolari, tutte le funzioni corporee lavorano bene, siamo sereni.

Per quanto siamo attivi e forse dormiamo anche poche ore per dedicarci al nostro lavoro creativo, niente stress.  Allora il movimento dello spirito ci rivela una cosa molto importante per la nostra salute: per essere molto attivi occorre essere rilassati. Quando lavoriamo uniti alla nostra dimensione spirituale,  i ritmi della giornata si rallentano e tuttavia i risultati della nostra attività sono veloci e progressivi. Ho osservato questo da molto tempo e ho visto cosa accade in me mentre lavoro con una persona o in gruppo o quando scrivo un articolo. Osservo che riesco a cogliere l’essenziale, che ascoltare l’altra persona è come entrare in una stanza  vuota senza suoni e senza rumori, semplicemente esserci per l’altro/a. E’ ascoltare in modo pulito da tutti i miei pensieri e concetti presunte conoscenze, Le parole che dico le sento nel corpo e nel cuore sono chiare e semplici e lente nello scandirle. La qualità energetica dell’ascolto e della parola è leale, vera, onesta, .  C’è uno scambio trasparente e benfatto, dignitoso e rispettoso che onora. Il movimento dello Spirito è il movimento dell’Anima in cui è possibile una vera reciproca conoscenza, entriamo in empatia e solo a questo livello possiamo essere al servizio e in aiuto di un ‘altra persona nella vita ordinaria e soprattutto in un ruolo professionale terapeutico e medico.. La reciprocità che si stabilisce ha come conseguenza che anch’io se sto nel ruolo di terapeuta, acquisto qualcosa che modifica il mio mondo arricchendolo. Io imparo continuamente dai miei clienti, attraverso di loro la mia prospettiva si amplia. E’ una crescita professionale e personale insieme. Perciò nutro molta gratitudine verso coloro che arrivano per aiuto, sostegno o semplicemente informazioni.

“L’Amore dello Spirito non conosce giudizi…non rifiuta ed esclude…E’ accettazione

di noi stessi, degli altri e del mondo in cui viviamo.. 

 E’ gioire di tutto ciò che esiste.”

Leopoldina De Varti

Imparare a connettersi con la dimensione spirituale del nostro essere è un lavoro interiore semplice che esige apertura del cuore, disponibilità a prendersi del tempo per la propria crescita e acquisire una pratica corporea. Non c’è bisogno di imparare chissà quali formule di meditazioni e mantra. Basta acquisire un raccoglimento interiore, attenzione e presenza, riscoprire semplici gesti naturali che appartengono alla saggezza del nostro corpo da millenni e se si vuole, aggiungere parole che appartengono alla nostra tradizione spirituale, nel rispetto delle nostre radici culturali e sociali.

 Più di tutti è la Vita stessa la nostra grande maestra spirituale. Ci conduce sempre a ciò che ci serve è saper osservare e prendere da ogni sua esperienza che fa la differenza.

Il cammino verso la coscienza spirituale è progressivo e continuo e conduce sempre in avanti. In parte si fa da soli, in parte ci si accompagna ad altri per il pezzo di strada che serve. In questo cammino siamo orientati verso il rispetto e il bene per tutti. Diventiamo artefici della pace dello Spirito e ci adoperiamo per servire la Vita, a cominciare dal prenderci cura della nostra propria vita. 

Se siamo alla ricerca di relazioni vere e genuine, oneste e fedeli è possibile trovarle quando osiamo fare il passo nella coscienza spirituale. In questa dimensione ci avviciniamo all’essenziale e alle cose vere. La verità che proviene dallo Spirito calma, perchè unisce ciò che prima era tenuto separato, riavvicina coloro che erano divisi. La ricerca spirituale è un meraviglioso cammino senza fine, calato nelle esigenze concrete della realtà quotidiana. Solo qui nella vita reale noi vediamo rivelate le connessioni e le relazioni spirituali.

“ La malattia e la guarigione  vengono dallo spirito” 

Leopoldina De Varti

Le Costellazioni Familiari Sistemiche sono Costellazioni Spirituali cioè agiscono in armonia con il Movimento dello Spirito. Il costellatore e tutti i partecipanti alle Costellazioni Familiari di Bert Hellinger imparano a lasciarsi condurre dallo Spirito collegandosi con Esso. Solo il Movimento dello Spirito è in grado di aiutare. Il costellatore è semplicemente un mediatore tra lo Spirito e il cliente e tutto ciò che fa e pronuncia come le parole guaritrici vengono dall’ascolto interiore della dimensione spirituale dell’Anima.

In sintonia con il movimento dello Spirito, il costellatore agisce per unire ciò che è stato separato, per reintegrare gli esclusi nel sistema, per pacificare il conflitto tra carnefici e vittime. Se un costellatore diventa complice del cliente nel dividere madre e figlio, per es. giudicando la madre, crea danni e non può chiamarsi costellatore.

I tre vantaggi nell’affidarsi al movimento dello Spirito: a) arriva l’aiuto giusto per noi; b) siamo protetti e al sicuro da tutto ciò che si manifesta e riusciamo ad affrontare ogni cosa con calma e presenza, con leggerezza ed energia; c) siamo liberi da ogni dipendenza.

Le soluzioni con i benefici sono immediate, concrete ed efficaci per molteplici problemi.  Bert Hellinger dice che “le Costellazioni Familiari sono un Aiuto dell’Anima ai problemi quotidiani”. Qui si tratta di vedere nella spiritualità non qualcosa di astratto e di religioso, ma una Forza che agisce per la vita e nella vita, per la Felicità e la Salute, per la prosperità e l’ economia qui ed ora per tutti e non sacrificando molti per il bene di pochi. La coscienza spirituale produce un movimento prima interiore e poi anche esterno nel corpo e nelle azioni concrete per andare verso la guarigione del corpo e di tutte le relazioni nei vari campi della vita.

Impariamo dalla natura

L’Arcobaleno ci invita alla Pace e all’Amore Universale

detto il ponte che unisce Terra e Cielo

L’ Arcobaleno è la manifestazione di un fenomeno fisico che quando lo vediamo ci mette allegria e lo consideriamo di buon augurio. Si realizza perché delle particelle d’acqua attraversano i raggi del sole e producono sette bellissimi colori a forma di arco che congiunge due estremità di un paesaggio o di un luogo. E’ un fenomeno creativo che ci attrae e ci racconta per analogia che la pace e l’amore uniscono mondi molto lontani, che la pace e l’amore sono di tanti colori e sfumature e solo nell’essere uniti creano un arco meraviglioso. L’arcobaleno contiene tutti i colori della vita e la possibilità di poterli combinare in altre sfumature. Sappiamo da tempo delle prorpietà diagnostiche e curative dei colori . Sappiamo che nello stato di malattia il corpo ha dei colori scuri intorno a sé, a differenza che quando stiamo bene siamo luminosi. Nelle culture orientali lo stato di pienezza dell’essere e il raggiungimento di un livello di coscienza molto elevato è chiamato “corpo arcobaleno” condizione in cui la persona vive in armonia con tutto e con tutti.

Nell’antichità si credeva che dall’arcobaleno fossero derivate tutte le forme di vita presenti sulla terra. E’ il fenomeno che descrive benissimo il movimento dello spirito che lega la terra, la materia, il corpo al cielo ad una dimensione oltre, nell’Amore e nella Pace. Attraverso questo ponte luminoso noi ci colleghiamo con un’altra dimensione poco conosciuta ma a cui aspiriamo perché ne facciamo parte come tutto il creato. Il significato simbolico dell’arcobaleno attraversa tute le culture. Esse hanno in comune il concetto di collegamento e passaggio da un mondo terreno ad altri mondi da una vita solo di materia ad una vita di ricerca spirituale, Nella forma di arco è il divino.

Pratica Quotidiana per il tuo BenEssere

  • Prestare attenzione al corpo. In ogni istante innumerevoli movimenti agiscono in collegamento tra loro nel corpo per mantenerlo in vita. Tutti questi movimenti provengono dallo spirito. Seduti ci raccogliamo con attenzione ascoltiamo ogni sensazione fisica. Bastano pochi minuti.
  • Passeggiata consapevole. Mentre camminiamo siamo presenti e attenti al nostro percorso, ai movimenti che il nostro corpo fa, alle perone che incontriamo. Sentiamo la differenza di quando camminiamo distrattamente.
  • Meditazione oltre ogni giudizio. Sentiamo quanto siamo disposti ad aprirci alle persone, a esperienze altre dalle nostre abitudini. Sentiamo quanto è presente in noi il giudizio. Seduti con i piedi ben appoggiati a terra e mani con il palmo sulle cosce ad occhi chiusi seguiamo semplicemente il flusso del nostro respiro senza fare modificarlo o forzarlo. Andiamo al centro del petto, al nostro cuore. Inspirando raccogliamo i giudizi verso di noi e quelli che noi stessi abbiamo nei confronti di altri…espirando lasciamo uscire insieme all’aria solo Amore per noi e per gli altri.

 

Per le tue domande e richieste:

347 0352548

scrivimi su whatsapp

Share This